Neolamprologus Brevis

Distribuzione geografica: Lago Tanganica.

Riproduzione: Le uova vengono deposte e fecondate all’interno di un guscio di gasteropode, ovviamente morto. Spesso la coppia ancora il guscio tra la sabbia e ne lascia scoperta solo l’entrata che viene pattugliata dal maschio mentre la femmina più piccolina, riesce a gestire meglio le uova al suo interno. Entrambi i genitori difendono le uova prima e gli avannotti poi.

Alimentazione: Accetta un’ampia gamma di alimenti, ma preferisce il cibo vivo.

Descrizione: Il Neolamprologus Brevis è sicuramente uno dei più piccoli ciclidi che vivono nei laghi africani. Il corpo ha la tipica conformazione della famiglia di appartenenza e una colorazione non molto appariscente. Il colore di fondo è rappresentato da un grigio perlato che solo in alcuni casi può mettere in evidenza dei riflessi di vario genere. Vive all’interno di un guscio di lumaca, nel suo habitat rappresentato nella maggior parte dei casi da Neothauma Tanganicense, e lo protegge con particolare fervore all’interno di un territorio circostante di una quindicina di cm. Non è una specie particolarmente aggressiva e in generale è tollerante verso altre specie. Il maschio raggiunge i 5 cm, mentre le femmine sono molto più piccole.

Allevamento: La vasca non ha particolari esigenze da rispettare, nel senso che viste le dimensioni del soggetto, può essere anche di piccole dimensioni. Il fondo deve essere rappresentato da sabbia, di spessore adeguato per permmettere al pesce di insabbiare i gusci vuoti che inserirete. Ricordate di inserirne uno per ogni adulto che ospitate in acquario. Se non trovate i gusci di Neothauma andranno benissimo anche quelli delle Escargot. Per il resto potete inserire qualche roccia che insieme con altre formi una caverna oppure una mini rocciata. Non importa quale tipo di roccia inserirete, nel senso che vanno benissimo anche quelle calcaree visto che i valori desiderati da questo simpatico pesciolino tendono verso il duro e alcalino. Mantenete la temperatura tra i 23-26 gradi.

FONTE IMMAGINE: xtremeaquaristika.blogspot.com
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *