La casa dei Ram

La vasca
L’acquario è un Tenerif Stilus 120 Nuovo Ambiente della Askoll, di 200 Lt netti. Le sue misure sono: 120x40x50 cm, i vetri sono di spessore 10 mm. Praticamente la mia vasca storica, quella con cui mi sono tolto le migliori soddisfazioni in questo hobby.

Il sitema di filtraggio
Il filtro utilizzato è un Askoll Pratiko 300, con filtrazione meccanica attraverso spugne e biologica con cannolicchi Biomax: come nelle altre esperienze ho posizionato la mandata e la griglia di aspirazione ai lati opposti nel vetro posteriore della vasca, inclinando leggermente in diagonale il collo d’oca per ottenere un ricircolo dell’acqua ellittico. Inoltre, per evitare dispersione di co2 ho posizionato la mandata qualche centimetro al di sotto della superficie per evitare un eccessivo movimento che agevola lo scambio gassoso con l’ambiente esterno.

Illuminazione
L’ illuminazione è composta da due lampade T5 al trifosforo da 39W del tipo Powerglo, con accensione dalle 13:20 alle 22:20, regolate dal timer luci presente sulla plancia dell’acquario. Gradazione in Kelvin delle lampade 18.000, praticamente sono lampade attiniche, ed anche se non ti permettono il minimo errore nella gestione della vasca, devo dire che io mi sono trovato sempre benissimo con questa tipologia per la crescita rigogliosa delle piante. L’azione luminosa delle lampade è accentuata da ottimi apparati riflettori. Sostituisco le lampade dopo circa un anno di utilizzo a distanza di un mese l’una dall’altra per non rendere traumatizzante il nuovo assetto.

Anidride carbonica
Per l’erogazione dell’anidride carbonica utilizzo il sistema Askoll System serie Gold, costituito da: una bombola ricaricabile da 4 kg con riduttore di pressione, valvola di sicurezza interna, valvola a spillo di regolazione fine con valvola di non ritorno ed infine un atomizzatore. Erogo 40/50 bolle al minuto, 24h al giorno il tutto regolato da un regolatore di PH della Milwaukee collegato ad una elettrovalvola la quale in caso di innalzamento del valore PH, impostato a 6,5, aprirà l’ elettrovalvola che a sua volta farà entrare la co2 nel diffusore in acquario. Effettuo una taratura della sonda del ph metro ogni quattro mesi con apposite soluzioni a ph 7 e ph 4.

Altri accessori
Per i cambi d’acqua, utilizzando acqua osmosi, utilizzo un impianto ad osmosi inversa a tre stadi dell’Aquili, con resa ottima e bassi costi di esercizio. Sostituisco le cartucce carbone e sedimenti all’incirca ogni sei mesi, mentre la membrana ogni tre anni.

Allestimento
Per il fondo ho usato il fertilizzante della Sera Floredepot, ho ricoperto il tutto con ghiaia di cristallo di quarzo della Dennerle con granulometria fine (1-2 mm), partendo dalla parte anteriore di 4 cm arrivando alla parte posteriore a 10 cm. Ottimo il quarzo che è assolutamente inerte, ha i bordi arrotondati e una durata nel tempo ottima in risposta alle sollecitazioni delle luce, dell’acqua e della co2.

Fertilizzanti ed altri prodotti
I fertilizzanti che uso sono della Seachem : Seachem Flourish, Flourish Excel, Flourish Iron, Flourish Potassium, Flourish Trace, per il dosaggio seguo la tabella di fertilizzazione base. Ho proceduto al loro utilizzo solo dopo tre settimane dall’allestimento, poiché in quel periodo le piante avevano già un grande sviluppo a causa dell’effetto del fondo fertilizzato e della co2, e quindi non volevo incoraggiare la comparsa di alghe. Dopo qualche settimana a dosi dimezzate ho somministrato un terzo della dose perchè ho notato che rimanevano residui in acqua che finivano per alimentare la comparsa di alghe.

Alimentazione
Alimentazione in granulare, prediligo i mangimi della Blu Line, i migliori secondo me: Basic Advanced, Marine & Discus, e Spirulina.

Pesci
La vasca è stata dedicata esclusivamente ai Ramirezi, con una coppia e solo un gruppetto di cinque Otocinclus Affinis.

Piante
Le piante presenti sono: Echinodorus Bleheri, Rotala Rotundifolia, Limnophila Sessiliflora, Vescicularia Dubyana, Anubias Barteri var. nana, Anubias Barteri Bonsai, Cryptocoryne Wendtii Brown, Hydrocotyle Leucocephala.

Manutenzione
Per il cambio d’acqua utilizzo per un 70% acqua di osmosi e per il restante 30% acqua di rubinetto, e lo effettuo ogni settimana applicando dove possibile sifonatura regolare. L’acqua viene trattata con biocondizionatore dell’Aquili.

Valori dell’acqua
I valori sono: Ph 6,5, Kh 3, Gh 5, No2 assenti, No3 <10 mg/lt, temperatura 28°.

Consigli ed osservazioni

Un assetto del genere è stato impostato esclusivamente con un unico obiettivo, ovvero la riproduzione dei Ramirezi. Devo dire che l’avventura è stata davvero fantastica: sono pesci di grande carattere e straordinaria bellezza. Almeno una volta nella vita, ciascun acquariofilo dovrebbe ospitarne un gruppetto in acquario per poi far formare una coppia e vivere la magia della riproduzione, che come sempre nei ciclidi, è meravigliosa. Ho riflettuto molto su quale specie di ciclide nano inserire in una vasca del genere, ma alla fine devo dire che la scelta dei Ramirezi è stata quella giusta! Le molte tane, i siti di riproduzione con delle noci di cocco rovesciate, la fitta vegetazione, tutto è stato congeniale per la loro crescita e la loro permanenza nella vasca in maniera serena e tranquilla: mi hanno ripagato con i loro colori meravigliosi e delle riproduzioni di successo. Ne è valsa davvero la pena!

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *