Dreissena Polymorpha

Distribuzione geografica: Originaria delle regioni del Mar Caspio, ormani è diffusa in tutto il continente europeo, Italia compresa.

Dimorfismo sessuale: Sessi separati, dimorfismo sessuale non rilevabile.

Riproduzione: Di solito si riproducono tra marzo e ottobre, determinando la fecondazione in acqua aperta. Dopo la schiusa delle uova le larve attraversano un perido di circa dieci giorni durante il quale rimangono sospese in superficie. Solo successivamente iniziano ad assumere le sembianze di adulti in miniatura e iniziano a scendere verso il fondo ancorandosi a qualche appiglio.

Alimentazione: Si nutrono filtrando in continuazione l’acqua e trattenendo le particelle alimentari e organismi planctonici.

Descrizione: Questo interessantissimo bivalve vive in colonie numerose e difficilmente supera i 5 cm di grandezza. Amano soprattutto ancorarsi al fondo attraverso una robusta rete di fili di bisso. Come tutti i bivalvi sono organismi molto utili per la loro attività di filtraggio dell’acqua che contribuiscono a rendere limpida e pulita. Per questo vengono definiti ottimi indicatori della qualità dell’acqua presente in acquario. La forma inusuale della conchiglia e i suoi colori variabili la rendono un genere molto apprezzato da tutti gli acquariofili.

Allevamento: Cercate di offrire uno scenario con la presenza di molti appigli come rocce o legni a cui il bivalve si attaccherà volentieri formando una vera e propria colonia. Infatti la caratteristica di questa specie è quella di produrre un filamento secreto da speciali ghiandole, chiamato filo di bisso, che gli permette di ancorarsi saldamente dove desisdera. Ama le acque temperate ma non disprezza quelle tropicali purchè non siano acide ed eccessivamente tenere. Lo noterete in piena attività con i sifoni esposti filtrare l’acqua per catturare le particelle organiche in sospensione o gli organismi planctonici, come le micro-alghe di cui si nutre. In realtà appaiono come dei piccoli filtri aggiunti a quello principale dell’acquario.

FONTE IMMAGINE: fl.biology.usgs.gov
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *