Viviparus Viviparus

Distribuzione geografica: Diffusa in tutto il continente europeo in qualsiasi habitat acquatico.

Dimorfismo sessuale: Ermafrodita.

Riproduzione: Essendo ermafrodita e ovovivipare, producono uova che vengon fecondate all’interno delle vie genitali femminili. Successivamente si sviluppano in un sacco all’interno della madre. Gli embrioni non ricevono nutrimento dalla madre, ma hanno tutte le sostanze nutritive direttamente nell’uovo che le contiene. La conseguenza è che al momento della nascita le lumachine sono già formate e autosufficienti. Di solito nella fase riproduttiva non rilasciano più di 20 o 25 piccoli. Sebbene la riproduzione avvenga facilmente in acquario e senza particolari esigenze, risulta molto difficile far crescere in seguito i nuovi esemplari nati.

Alimentazione: Si nutrono di batteri, alghe e sostanze organiche che trovano nel sedimento.

Descrizione: Sicuramente una delle specie più diffuse anche nei nostri corsi d’acqua. Raggiunge dimensioni abbastanza consistenti, con altezza della conchiglia di quasi 40 mm. Possiede una colorazione opaca della conchiglia con la presenza di giri piatti e se molestata si richiude rapidamente chiudendo l’opercolo. Resistente anche alle temperature rigide, viene considerata un buon elemento indicatore di acque in salute, ovvero pulite e ben ossigenate. Infatti si dimostra molto sensibile al fattore ossigeno, con la carenza del quale morirebbe in breve tempo. In molti casi la conchiglia viene ricoperta da alghe o altri composti vegetali rendendone l’aspetto ancora più vissuto e forse naturale.

Allevamento: Le chiocciole di Viviparus possono essere ospitate in acquario purché l’acqua non superi i 20 °C. Non cruciali le altre caratteristiche dell’acqua, ma cercate di ossigenarla molto.

FONTE IMMAGINE: mapserver.provincia.prato.it
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *